Legge di Stabilità 2016: le novità su pensioni, partite Iva e limite contanti

La flessibilità in uscita non farà parte della prossima legge di Stabilità. A renderlo noto lo stesso presidente del Consiglio, Matteo Renzi, il quale però ai microfoni di Rtl 102.5. 

In tema previdenza ha precisato che il governo è pronto a chiudere nel giro di pochi mesi il tema della flessibilità pensionistica. Aggiungendo: “Non vogliamo fare pasticci come in passato: con l’Inps faremo un grande lavoro per coinvolgere gli interessati”.

Le pensioni

Sul fronte della previdenza, il presidente del Consiglio ha detto: “In passato si sono combinati dei danni giocando sulla pelle delle persone e si pagano ancora oggi le conseguenze che ammontano a qualche decina di miliardi di euro. Adesso preferisco aspettare tre mesi”. E ancora: “Prima di intervenire vogliamo ascoltare quella fascia di persone in procinto di andare in pensione, anche per avere una stima di quante sono”.

Le partite Iva

Ma Renzi ha parlato anche di altro. In particolare, di alcune misure che invece entreranno in Stabilità. A partire dalle partite Iva. A tal proposito, ha spiegato che nella legge di stabilità è previsto anche “un intervento serio sulle partite Iva, con un intervento sul regime dei minimi”.

Il limite dei contanti

C’è poi l’aumento del limite per l’uso del contante. In questo caso il presidente del Consiglio ha fatto sapere: “Una delle cose che proporremo al Parlamento con la legge di Stabilità è riportare i livelli del contante alla media europea, al livello francese, portandolo da 1.000 a 3.000 euro”.

Scrivi commento

Commenti: 0